La terapia naturale

Da sempre l’approccio terapeutico naturale gioca un ruolo importante nella cura di diverse problematiche, tra cui la calvizie.


La giusta integrazione di sostanze antiossidanti, minerali e oligoelementi è indispensabile per avere capelli sani.


Oggi sul mercato vi è l’imbarazzo della scelta in fatto di prodotti tricologici naturali, ideati per affiancare e potenziare la terapia medica.

 

 

 

GLI ESTRATTI VEGETALI

E’ ormai noto che alcune piante possiedano proprietà terapeutiche in grado di arginare il problema della calvizie. Prima fa tutte la Serenoa Repens, o Saw Palmetto, le cui proprietà antiandrogene naturali (anti-dht) mimano l’azione del farmaco Finasteride, anche se con un’azione meno potente e mirata.
Questa pianta officinale può rappresentare un supporto terapeutico valido, in abbinamento ad altri trattamenti o come prevenzione dell’avanzare della calvizie.
La Serenoa Repens ha inoltre proprietà anti-infiammatorie e stimolatrici della proliferazione cellulare e la sua assunzione non prevede effetti collaterali.

Le proprietà di piante quali ortica, tè verde,  ginseng, orzo, soia e altre ancora, sono utili in tricologia e vanno tutto a vantaggio della salute dei nostri capelli. Unire tali principi attivi ad uno stile di vita corretto e ad un’adeguata terapia medica, rappresenta la combinazione vincente per contrastare la caduta di capelli.

 

INTEGRAZIONE ALIMENTARE E STILE DI VITA

Da numerosi studi è possibile affermare che bassi livelli nell’organismo di sostanze quali ferro, calcio, magnesio, zinco, proteine e vitamine del gruppo B, possono causare l’alterazione e l’indebolimento strutturale del bulbo e dello stelo del capello. Tutto ciò fa sì che nel tempo il capello subisca un rallentamento del ciclo di crescita, una  progressiva miniaturizzazione con conseguente caduta.


Alimentazione sbagliata e stile di vita inadeguato. nonché diversi fattori quali stress, disturbi del sonno, patologie, convalescenze, depressioni, ecc. sono spesso alla base di un telogen effluvium acuto o cronico, contribuendo ad un aggravamento della calvizie in atto.


Che cosa fare:
Oltre a seguire un regime alimentare corretto, oggi sono in commercio molti integratori alimentari per far fronte ad un’accertata carenza di vitamine, proteine o minerali.
Esami di approfondimento clinico, tra cui test tricologici specifici, potranno accertare la presenza di eventuali carenze nutrizionali ed un medico competente potrà consigliarvi i gli integratori più appropriati ed i relativi dosaggi.